Abuso emotivo: le 5 frasi che possono segnalare un problema

Abuso emotivo: le 5 frasi che possono segnalare un problema

9 Febbraio 2019 0 Di Massimo Rotelli

In una relazione è sempre difficile poter distinguere un abuso emotivo, ma ecco cinque frasi chiave per rivelarlo.

Gli abusi emotivi sono una realtà presente in un numero di relazioni maggiore di quanto si possa immaginare.

Questo, infatti, avviene all’interno degli appartati confini della relazione, e quindi è difficilmente riscontrabile dall’esterno.

Alcuni psicologi, però, hanno studiato delle strategie per svelare ciò che di marcio può essere nascosto dall’intimità della coppia.

Spesso e volentieri, infatti, vengono indotti all’interno di una delle due parti sensazioni negative come il senso di colpa, la paura o il costante dubbio su cosa sia reale o meno. Questi fattori sono clinicamente molto importanti per svelare gli schemi attraverso cui avviene la sopraffazione emotiva della vittima.

Lo scopo ultimo delle loro azioni è quello di avere il controllo totale del compagno di vita. Ci sono diversi segnali attraverso cui una vittima può rendersi conto di essere sotto scacco, e può farlo riconoscendo cinque semplici modi di dire che, spesso, appaiono innocui, ma che nascondono tremende insidie.

  • 1. “Non sono in grado di stare senza te
    Questo è il più classico degli evergreen nel settore. In questo caso, significa che uno dei due membri della relazione non ha la maturità necessaria per poter essere autosufficiente all’interno di quella giungla selvaggia che è il mondo. Per questo, si lega ad un’altra persona, creando una simbiosi che potrebbe finire per affondare entrambi.
  • 2. “Voglio sempre sapere dove sei
    In questo caso, invece, viene esercitata una delle più violente forme di controllo possibili. Privare il proprio partner della libertà di azione è una coercizione, e l’eccessiva necessità di sapere sempre, ed in qualunque momento, dove esso si trovi è in primo luogo una totale mancanza di fiducia, ed in secondo luogo una ancor maggiore espressione della volontà di manipolazione totale.
  • 3.  “Sono sicuro che tra di noi finirà
    Pronostico quantomeno azzardato e che punta a mettere in forte soggezione la parte accusata. In questo caso, il carnefice si rende vittima, demonizzando l’altro ed i suoi comportamenti, i quali non faranno altro che danneggiare la relazione irrimediabilmente. Questo tipo di atteggiamento è volto a far leva sul senso di colpa del partner, al fine di renderlo soggetto a qualsiasi vezzo pur di “far star meglio” la propria metà.
  • 4 “Sono stato bravo?
    Ebbene sì. Anche un’innocua ricerca di attenzioni può tramutarsi in un pericolo se mal gestita. Il distinguo, infatti, arriva quando ad essere messo in dubbio è il fondamento stesso della relazione in essere. In questo caso, meglio tagliare la corda il prima possibile.
  • 5. “Questa idea è di…
    Un altro verosimile abuso emotivo può verificarsi quando, all’interno della coppia, uno dei due partner non rende merito all’altro. In questo caso, negare anche le idee originali, deviando il discorso e riconducendolo a parti terze può essere una sottile, ma meschina forma di controllo, volta ad annichilire l’altra parte per averne il domino.

Come abbiamo visto, non è sempre facile riconoscere un abuso emotivo, poiché alcune volte questo viene commesso in maniera inconsapevole anche dal carnefice. In questo caso, è la vittima non può fare altro che cercare un aiuto il prima possibile.