All’ONU si è tenuto il 15° Vertice Internazionale sui Diritti Umani organizzato da Youth for Human Rights

All’ONU si è tenuto il 15° Vertice Internazionale sui Diritti Umani organizzato da Youth for Human Rights

27 Dicembre 2018 0 Di Redazione

Al Palazzo di Vetro di New York si sono incontrati 94 delegati e ambasciatori della gioventù di tutto il mondo.

Durante il quindicesimo Vertice sui Diritti Umani, Youth for Human Rights International (Gioventù per i Diritti Umani Internazionale) ha premiato tre personalità straordinarie per il loro lavoro inteso a cambiare il volto delle loro nazioni. Il vertice si è tenuto presso la sede delle Nazioni Unite a New York.

La dott.ssa Mary Shuttleworth, presidente di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale, ha consegnato il premio “Human Rights Hero” (Eroi per i Diritti Umani) a tre eminenti personalità umanitarie:

• David Kritsun e Youth for Human Rights Israele per aver promosso l’unione di diverse comunità etniche e religiose. Attraverso il loro lavoro, hanno esteso l’educazione ai diritti umani in 23 quartieri di Tel Aviv e a quasi 100.000 persone a Gerusalemme, costruendo così le basi per la pace.

• Nfamara Jawneh è il fondatore e direttore esecutivo di Beakanyang Kafo (che significa pari opportunità per tutti), una ONG per i diritti umani. Per 22 anni, durante la dittatura in Gambia, è stato una voce autorevole e una forza decisiva per il cambiamento attraverso la sua vasta campagna di sensibilizzazione sui diritti umani e la democrazia.

Le sue attività educative hanno raggiunto più di 20.000 persone. Ora collabora con il nuovo governo nazionale democratico e le agenzie non governative per costruire una struttura per l’educazione ai diritti umani.

• Nonostante il costante rischio e la minaccia attiva da parte dello Stato islamico, Issa Sufyan Hussein ha addestrato più di 1.700 personale di intelligence, sicurezza e polizia in Kurdistan sui diritti umani. È stato uno dei primi a utilizzare e implementare il curriculum United and Youth for Human Rights in lingua curda e ora forma altri educatori per portare avanti le sue attività.

I tre premiati sono la testimonianza della portata dell’educazione ai diritti umani attraverso i confini nazionali, le divisioni etniche e le differenze religiose. Sono eminenti esempi dei molti altri eroi in tutto il mondo che si battono per i diritti umani e lavorano per migliorare le condizioni nelle loro patrie.

“Uniti per i Diritti Umani” è un programma sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. È attivo a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico”.