Diano Marina: non solo spiagge ma molto altro

Diano Marina: non solo spiagge ma molto altro

13 Febbraio 2020 Off Di Riccardo Alessandro Reina
Condividi se ti piace

Il borgo di Diano Marina è una pittoresca destinazione affacciata sulle coste della Liguria, in provincia di Imperia.

È situata sulla costa della Riviera di Ponente, nell’omonimo golfo delimitato a est dal Capo Cervo ed a ovest dal Capo Berta. 

Il Golfo Dianese è una vera perla naturale della regione Liguria e Diano Marina spicca tra i paesi costieri per il suggestivo mescolarsi del turchese del suo mare e dell’oro del suo splendido litorale: le onde del Mar Ligure si infrangono sulla spiaggia dianese mentre le abitazioni del borgo si nascondono nella macchia mediterranea, tra coltivazioni di basilico, pomodori, fiori e olive.

È proprio agli ulivi che è legata la tradizione turistica di Diano Marina, poiché a fine Ottocento il paese divenne un importante centro di commercio dell’olio nell’area costiera del Golfo Dianese.

La rilassata cittadina mutò poi nel corso dei secoli il suo aspetto e la sua personalità fino a essere oggi un luogo di villeggiatura incredibilmente apprezzato.

Un clima mite tutto l’anno e la brezza costante che bacia Diano Marina anche nelle estati più calde rende il borgo una destinazione ideale in ogni stagione, perfetto sia per famiglie in vacanza che per chi vuole unire visite culturali alla pratica di sport all’aria aperta come trekking, mountain biking o immersioni.

Cosa vedere a Diano Marina

Tra acque cristalline ed un entroterra dalle mille sorprese, il centro storico di Diano Marina racchiude numerosi luoghi di interesse da esplorare, nonché molti negozi, botteghe artigianali, ristoranti e strutture ricettive dove soggiornare.

Tra le attrazioni di Diano Marina una delle più interessanti è certamente il Palazzo della Cultura, che sorge proprio al centro di una piccola area verde ed ospita tutto l’anno mostre, convegni, concerti ed incontri culturali.

Il Palazzo dispone anche di una Biblioteca e di un Museo Civico, il MARM, custode di esposizioni dedicate all’archeologia ed alla storia rinascimentale davvero di valore.

Tra le strutture militari di Diano Marina che meritano una visita ci sono il Forte Sant’Elmo, un forte a picco sul mare di Capo Berta ed immerso in un parco di pitosfori, nato con funzioni difensive e diventato poi abitazione privata, e la Torre dell’Alpicella, posta a 267 m s.l.m. nel punto più alto di Capo Berta, una fortificazione circolare databile tra XIV ed il XV secolo.

Ulteriore testimonianza del valore strategico-difensivo della zona è il cannone di Diano Marina: risalente al XVI secolo e simbolo della città, fa parte di un complesso sistema di bastioni, torri e villaggi murati che un tempo presidiavano l’arco ligure dagli attacchi nemici.

Da non perdere nel centro di Diano Marina anche Villa Scarsella, antico convento domenicano convertito a residenza nobiliare ed oggi sede della scuola primaria, e la Fontana dei Delfini, che si trova sul lungomare proprio di fronte al Molo delle Tartarughe.

Tra le architetture religiose invece spiccano tra le altre la Chiesa di Sant’Antonio Abate con l’adiacente Oratorio della Santissima Annunziata, la cui struttura risale al medioevo ma è stata più volte rimaneggiata nei secoli e la Chiesa di Sant’anna, realizzata dalla famiglia Casalmiglia nel XVII secolo come cappella gentilizia.

Interessante nei dintorni di Diano Marina anche la Chiesa dei Santi Nazario e Celso, edificio ora sconsacrato situato nella zona archeologica di Prato Fiorito nella quale sono stati rinvenuti i resti dell’antica Lucus Bormani, insediamento romano del I sec. a.C.

La spiaggia di Diano Marina

È ovviamente la spiaggia del borgo di Diano la protagonista assoluta della bella stagione ligure, lunga più di 3 chilometri e costituita da granelli di sabbia dall’incantevole tinta dorata. I bassi fondali ed gli affascinanti paesaggi naturali che contornano il litorale rendono Diano Marina location ideale per tuffi nel blu e rilassanti giornate sotto il sole.

Sono presenti qui numerose strutture dove è possibile noleggiare windsurf o attrezzature per il diving e godere dei flutti del Mar Ligure e del suo universo sottomarino. Le acque calde della costa sono divine anche per lunghe sessioni di nuoto o magari per un corso di vela.

Diano Marina si rivela meta dalle infinite opportunità anche per chi sceglie la Liguria per i suoi sentieri escursionistici: dal borgo si dipartono infatti molti percorsi praticabili a piedi o in sella alla propria bicicletta, e che portano alla scoperta dell’entroterra e dei dintorni.

Ad esempio le frazioni di Diano Calderina, Diano Gorleri, Diano Serreta e Borgo Muratori, immersi nel verde degli uliveti o i non lontani comuni di Diano Aretino e Diano Castello arrampicati lungo le colline retrostanti il paese.

Eventi a Diano Marina

È ideale trovarsi nei pressi di Diano Marina durante un evento davvero suggestivo, ovvero l’Infiorata del Corpus Domini.

Sessanta giorni dopo la Pasqua, in occasione della festività religiosa del Corpus Domini, il paese di Diano Marina viene invasa da milioni di petali di fiori, che artisti originali compongono in opere d’arte a tema religioso davvero uniche nel loro genere.

Su questo tappeto floreale viene celebrato l’evento spirituale, con la processione del Santissimo Sacramento e la manifestazione è veramente indimenticabile.

Imperdibile è anche il Carnevale Dianese, a febbraio, davvero colorato ed incredibilmente animato, mentre ogni prima domenica del mese tra le vie del paese è in scena un interessante mercatino dell’antiquariato.

Cosa mangiare a Diano Marina

La Liguria sa decisamente prendere i suoi visitatori anche per la gola e durante un soggiorno a Diano Marina sono molte le specialità locali da poter gustare. Ad esempio, la focaccia salata, i testaroli al pesto o i fagioli, cucinati in molte squisite ricette.

Diano Marina è la città dell’olio ed è vietato non degustarne le delicate proprietà organolettiche quando si passa da queste coste, così come imperdibili sono i vini DOC, magnificamente coltivati dalla terra e dal sole della Liguria, come il Vermentino della Riviera Ligure di Ponente DOC o il Pigato.

FONTE: SiViaggia

Condividi se ti piace