Il mondo delle terme: Rivanazzano, gioiello del pavese

Il mondo delle terme: Rivanazzano, gioiello del pavese

16 Gennaio 2020 Off Di Paola Montonati
Condividi se ti piace

Le terme di Rivanazzano si trovano nell’omonima cittadina della provincia di Pavia, all’interno del centro storico, vicino alla SP461 che collega Voghera a Salice, la località termale gemella che dista solo pochi km, in un distretto termale di pregio, con attrazioni come il Parco Avventura di Salice Terme.

Nello stabilimento di Rivanazzano è praticato approccio olistico alla medicina termale con acqua e fango, basato sul valore della prevenzione, e sugli effetti a lunga distanza delle terapie termali per evitare il riacutizzarsi delle sintomatologie più gravi, più che su quelle istantanee ma di breve durata, oltre che sul riequilibrio delle energie psico-fisiche e su specifici trattamenti pensati per il periodo della maternità, spesso trascurato nel panorama del termalismo italiano.

La storia del termalismo a Rivanazzano parte nel 1913, anno in cui furono individuate le prime sorgenti termali nella zona di San Francesco, ma arriva alla forma attuale nel secondo dopoguerra, quando l’impianto passò a una nuova proprietà che porta avanti l’attività di famiglia da allora.

Nel 2012 fu completato un grande lavoro di ristrutturazione che ha dotato lo stabilimento termale di un’area dedicata ai trattamenti wellness.

Le terme di Rivanazzano per i suoi trattamenti terapeutici termali contano su tre differenti fattori curativi, il primo è rappresentato dall’acqua classificata come salso-bromoiodica ricca di Sali di sodio, bromo e iodio, impiegata tramite idromassaggio per riattivare il microcircolo sanguigno riducendo la ritenzione idrica e la cellulite, il secondo è l’acqua sulfurea, ricca d’idrogeno solforato, per combattere patologie dermatologiche e il riacutizzarsi di allergie croniche e il terzo è il fango termale, fatto maturare per dieci mesi nell’acqua termale prima di essere applicato per produrre effetti rigeneranti stimolanti e tonificanti.

Le terapie termali di Rivanazzano sono divise in cure inalatorie che comprendono aerosol, humage, nebulizzazioni e irrigazioni nasali, per la cura della pelle sono impiegate la balneoterapia e la maschera facciale sulfurea, oltre a impacchi di fango a caldo e a freddo, idromassaggi e idrokinesiterapia e per migliorare l’udito s’impiega l’acqua sulfurea per insufflazioni endotimpaniche e politzer crenoterapico.

Oltre alle strutture per le tradizionali cure termali, a Rivanazzano c’è una sezione spa dedicata ai trattamenti wellness ed estetica, con quelli anti-age, antiossidante, purificante, rivitalizzante e per pelli sensibili, ma anche quello col fango termale, quello alle alghe, lo scrub corpo e quello anti-cellulite.

Completano l’offerta termale rituali di benessere, come quello al sale, quello aromaterapico, quello per il sonno e quello per il recupero del jet-lag, i massaggi e specifici trattamenti termali pensati per il periodo della maternità,  oggi uno dei fiori all’occhiello dello stabilimento e comprendono massaggio pre e post-parto, fino a un trattamento nutriente anti-età e al trattamento biologico del corpo.

 

 

 

Condividi se ti piace