La gioiosa baraonda dell’Oktoberfest: la grande festa di Monaco

La gioiosa baraonda dell’Oktoberfest: la grande festa di Monaco

20 Settembre 2019 Off Di Paola Montonati

Il 12 ottobre 1810 quando il principe Ludwig di Baviera sposò Teresa di Sassonia –Hildburghausen a Monaco, ci fu una festa che durò ben cinque giorni con numerose celebrazioni, musica, gastronomia e parate militari.

A chiusura dei festeggiamenti venne organizzata una corsa di cavalli sul Theresenviese, un prato leggermente fuori città, chiamato così in onore della sposa.

Questa corsa divenne un appuntamento imperdibile e fu la base per la nascita dell’Oktoberfest, la più importante festa della birra.

Dal 1811 si tenne un festival agricolo, molto noto per una competizione di bellezza per cavalli e buoi, nel 1938 fu interrotta la corsa di cavalli, ma ancora oggi, ogni quattro anni, la fiera è celebrata.

La birra fece la sua prima apparizione nel 1818, con le prime giostre del Luna Park e verso la fine del XIX secolo i birrifici storici di Monaco approntarono i primi stand e, secondo la tradizione, divennero sono gli unici fornitori di birra durante l’Oktoberfest, inoltre iniziò a diffondersi il simbolo della festa, cioè il boccale da litro.

Durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale l’Oktoberfest non venne celebrato, ma nel 1950 il sindaco Thomas Wimmer introdusse il momento in cui, nel giorno della cerimonia d’apertura, al momento di stappare la prima botte di birra nella tenda di Schottenhamel, il primo cittadino di Monaco avrebbe gridato Ozapft is!, cioè La botte è stata aperta e da allora queste parole segnano l’inizio dei festeggiamenti.

Nel 1984 i barili di birra usati durante la festa divennero di metallo ricoperto di legno.

Cuore dell’Oktoberfest resta Theresenwiese, uno spazio, dove i sei birrifici autorizzati dissetano la festa con la loro Märzen.

Bierzelte, noti come gli stand della birra, ricoprono l’area con un enorme Luna Park e a numerosi chioschi che vendono le prelibatezze della cucina bavarese oltre a numerosi e divertenti gadget, tra boccali, cappelli a tema, spille.

Dal prato si può vedere la statua della Baviera, fatta realizzare nel 1850 da Luigi I, alta 18 metri, che poggia su un piedistallo di 12, e custodisce, sotto di sé, un tempio dedicato allo stesso sovrano.

Salendo su una lunga scala si può entrare nell’interno della statua e godere del suggestivo panorama dell’intero Theresenwiese.

La domenica del primo weekend dalle 10 alle 12 si tiene la Sfilata Inaugurale in costumi tradizionali o Schützen, con una colonna di splendidi carri, al suono della musica bavarese e dalle insegne della cultura locale, attraversano le vie principali di Monaco intrattenendo migliaia tra cittadini e visitatori, con gruppi folcloristici, orchestre, cavalli, buoi, capre, addobbi, danzatori, per un omaggio alla storia della Baviera.