Le iniziative di Volvo Cars per contrastare l’impatto del Coronavirus

Le iniziative di Volvo Cars per contrastare l’impatto del Coronavirus

23 Marzo 2020 Off Di Enrico Stiletti
Condividi se ti piace

La pandemia da coronavirus si sta ripercuotendo pesantemente su Volvo Cars.

Gli effetti assumono forme diverse, che vanno dall’indebolimento del mercato, al rischio di interruzione delle attività produttive, alla preoccupazione per i dipendenti. LEGGI TUTTO

L’obiettivo primario della Casa automobilistica è tutelare la salute e la sicurezza dei suoi dipendenti. Erano già state attuate misure cautelative e di limitazione dei viaggi.

Ora è necessario ridurre ulteriormente la diffusione del virus limitando i contatti sociali per un certo periodo di tempo. Questo implica la temporanea sospensione delle attività produttive, il ricorso all’home working e l’adozione di precauzioni a livello personale.

Lo stabilimento in Belgio rimarrà chiuso fino al 5 aprile. Gli stabilimenti in Svezia e negli Stati Uniti saranno chiusi dal 26 marzo al 14 aprile.

Le persone che lavorano presso i nostri uffici lavoreranno in generale da casa a partire dal 26 marzo, con una riduzione dell’orario di lavoro.

Queste azioni contribuiranno a garantire i posti di lavoro e a far sì che Volvo Cars possa ripristinare le normali attività produttive al più presto e in completa sicurezza.

All’inizio di questo mese, Volvo Cars ha riaperto il suo quarto impianto di produzione in Cina dopo un lungo periodo di chiusura. A oggi, l’affluenza nelle concessionarie indica un ritorno alla normalità del mercato automobilistico cinese, il che dimostra chiaramente i vantaggi offerti da un’organizzazione aziendale che vanta un’equilibrata operatività internazionale.

“Ci interessano in primo luogo la salute dei nostri dipendenti e il futuro del nostro business”, ha dichiarato il CEO Håkan Samuelsson. “Grazie agli apprezzati programmi di sostegno messi in atto dai governi e dalle autorità siamo riusciti a reagire velocemente”.

Volvo Cars confida nel fatto che queste misure possano, da un lato, contribuire al contenimento della pandemia e, dall’altro, tutelare le sue persone e garantire il futuro dell’Azienda.

Gli stabilimenti produttivi di Volvo Cars cui si applicano le misure annunciate in data odierna si trovano a Torslanda, Skövde e Olofström (tutte località in Svezia), Ghent (Belgio) e nella Carolina del Sud (Stati Uniti).

Il personale degli uffici interessato dalle misure è quello della sede centrale di Göteborg, in Svezia, dello stabilimento di Ghent e delle sedi nei mercati locali.

Condividi se ti piace