Nasce la “Rete dei giovani delle Aree interne” per far sentire la propria voce alla ricerca di nuove modalità di vivere i territori

Nasce la “Rete dei giovani delle Aree interne” per far sentire la propria voce alla ricerca di nuove modalità di vivere i territori

18 Gennaio 2021 0 Di Riccardo Alessandro Reina
Condividi se ti piace

Nasce la “Rete dei giovani delle Aree interne”.

L’invito ad iscriversi è rivolto a tutti i giovani, da nord a sud, che vogliono far sentire la propria voce e programmare il proprio futuro rimanendo nelle Aree interne alla ricerca di nuove modalità di vivere i territori.

Il progetto Officina Giovani Aree Interne, promosso da Officine Coesione per le Aree Interne a supporto del Comitato Tecnico Aree Interne (CTAI), prevede il coinvolgimento di associazioni, attivisti, operatori economici e dei servizi e ricercatori under 40 che operano nelle aree interne.

Il progetto ha lo scopo di mettere al centro i giovani abitanti delle terre alte, preoccupati per un domani incerto ma determinati nel cercare nuove forme di socialità che possano garantire un futuro alla montagna nell’incontro tra tradizione e innovazione.

L’obiettivo è quello di definire un manifesto programmatico che identifichi priorità e scopi comuni puntando sull’intraprendenza per promuovere azioni per la valorizzazione delle risorse territoriali e dell’energia delle nuove generazioni; partecipare attivamente all’attuazione della Strategia Nazionale Aree Interne sul territorio facilitandone e monitorandone l’avanzamento.

La “Rete dei giovani delle Aree interne” nasce dall’idea di unire le forze in una organizzazione allargata e trasversale in tutto il territorio italiano.

Questa ha preso forma da “Muovere le Montagne”, un progetto nato nel territorio della Valle Stura in Piemonte, che ha visto un gruppo di giovani residenti della Valle adoperarsi per il futuro delle loro montagne confrontandosi con altri che, come loro, risiedono nelle aree interne d’Italia.

Uno scambio di idee e di buone pratiche per affermare: «Non siamo soli, le aree interne sono dappertutto».

L’intento della Rete è quello di portare avanti il dialogo iniziato con la Strategia Aree interne in considerazione che i giovani potranno diventare un domani le antenne sul territorio, coloro che davvero potranno dire se la strategia funziona e contribuire alla sua definizione.

“Mi auguro – afferma il presidente dell’Unione Madonie – che anche i giovani delle Madonie sentano il bisogno di partecipare a questo movimento culturale ed essere protagonisti del loro futuro.”

Per iscriversi inviare una mail entro il 24 gennaio 2021 all’indirizzo: officinesnai@officinecoesione.it, specificando nell’oggetto “Partecipazione Officina Giovani Aree Interne“.

Info: https://unionemadonie.it/

Condividi se ti piace