Retiro: ciò che allontana avvicina al Battistero di Velate

Retiro: ciò che allontana avvicina al Battistero di Velate

10 Agosto 2020 0 Di Paola Montonati
Condividi se ti piace

 Finalmente riapre quello scrigno d’arte e bellezza che è il Battistero di Velate…

A Varese, presso il Battistero di Velate, grazie all’associazione Beautiful Varese e con il sostegno della Fondazione Comunitaria del Varesotto, da sabato 29 agosto ci sarà Retiro: ciò che allontana avvicina, un progetto di arte a cura degli artisti Marialisa Leone di Crema e Giovanni Ronzoni di Lissone.

L’inaugurazione coinciderà anche con la riapertura, dopo mesi di chiusura dovuta al lockdown, della programmazione nell’oratorio seicentesco varesino e della festa della comunità velatese.

Il progetto Retiro: ciò che allontana avvicina, nato da un’idea di Marialisa Leone, unisce esperienze creative eterogenee per un nuovo modo di relazionarsi fra gli artisti e con il pubblico, poiché la solitudine indotta dal Covid, ha portato con sé anche i doni del silenzio e della riflessione, che per alcuni artisti si sono trasformati in una straordinaria fucina creativa, foriera di nuovi linguaggi, nuove poetiche ed espressività.

I partecipanti sono sessantacinque, in prevalenza italiani con una nutrita rappresentanza da Lombardia, Emilia e Calabria, ma hanno partecipato anche dalla Puglia, dalla Val d’Aosta e dalla Sicilia, dalla Campania al Trentino, dalle Marche al Lazio e persino dall’estero: da Spagna in primis e da Svizzera, Francia, Austria e Russia.

Gli artisti che hanno partecipato sono Lucio Afeltra (Salerno), Francesca Baldrighi (Crema), Arrigo Barbaglio (Crema), Joan Josep Barselò Baucà (Spagna), Rose Marie Bellemur (Spagna), Luca Bray (Lecce), Alessandra Belloni (Cremona), Milena Bellomo (Portogruaro, Patricia Jacomella Bonola (Svizzera), Elisabetta Francesca Bosisio (Monza), Anna Rita Cacciatore (Bologna), Teresa Cacciatore (Rovereto), Gianni Canali (Mantova), Claudia Cantoni (Svizzera) Silvia Capiluppi (Milano), Antonio Catalano (Asti), Lello Cicalese (Salerno) Carmela Corsitto (Sicilia), Giuliano Cotellessa (Pescara), Maria Credidio (Calabria), Mario De Leo (Monza), Teo De Palma (Foggia), Mario Diegoli (Crema), Angela Filippini (Riccione), Rosella Fusi (Monza), Begoña Galicia Gil (Spagna), Eugenio Galli (Monza), Ombretta Gazzola (Calabria), Valentina Gramazio (Cremona), Marco Grosso (Viterbo), Christina Lammer (Austria), Italo Lanfredini (Mantova), Marialisa Leone (Crema), Anna Lopopolo (Crema), Simone Lorenzon (Spagna), Ruggero Maggi (Milano), Silvana Maglione (Calabria), Anna Mainardi (Crema), Patrizio Maria (Roma), Max Marra (Monza), Margherita Martinelli (Milano), Barbara Martini (Crema), Gabi Minedi (Roma), Annalisa Mitrano (Como), Simone Mizzotti (Crema), Paolo Menon (Lecco), Fiorenzo Mussi (Monza), Elisabetta Meneghello (Como), Angelo Noce (Crema), Shura Oyarce (San Severino Marche), Teresa Claudia Pallotta (Aosta), Franco Panella (Sicilia), Mario Quadraroli (Lodi), Giovanni Ronzoni (Monza), Etta Rossi (Crema), Paula Rubio Galicia (Madrid), Sonia Scaccabarozzi (Lecco), Cesare Serafino (Spilimbergo), Pietro Silvestro (Monza), Evelina Shatz (Russia), Maria Cristina Tornaghi (Monza), Topylabrys (Milano), Olga Varalli (Cremona), Ada Eva Verbena (Pavia), Paola Wool (Crema).
Il modulo richiesto dai curatori e di due opere su carta in formato cm 30×30 da eseguire in tecnica a piacere, ad esempio pittura, fotografia, collage, pensieri, e aforismi anch’essi in forma libera.

Il materiale sarà assemblato per costruire un’installazione lunga alcune decine di metri, ma secondo la location vi potranno essere variazioni di allestimento.

Il progetto è accompagnato da due poesie di Giovanni Ronzoni e commenti critici a cura di Massimiliano Porro (Como) e Silvia Merico (Crema).

Retiro: ciò che allontana avvicina è promosso da Il Nodo dei Desideri, associazione cremasca che promuove l’arte attraverso il volontariato, cui Marialisa Leone, tessitrice d’incontri, si dedica da oltre un quarto di secolo.

L’inaugurazione di Retiro: ciò che allontana avvicina si terrà nel Teatrino Oratorio di Velate sempre in piazza Santo Stefano a Varese e vedrà anche la partecipazione dei musicisti Valentina Gramazio (voce) e Gaetano Valli (chitarra).

L’apertura dell’esposizione al Battistero di Velate in piazza Santo Stefano si protrarrà fino al 13 settembre con modalità rispettose della normativa anti-Covid.

L’ingresso sarà libero (lunedì chiuso, da martedì a venerdì prenotazione obbligatoria da richiedere a battisterodivelate@gmail.com .

Sabato e domenica aperto con orario 10-13 e 15-18, max 10 persone alla volta).

Condividi se ti piace