Sospesa la 52esima edizione della Barcolana: la regata più grande del mondo

Sospesa la 52esima edizione della Barcolana: la regata più grande del mondo

11 Ottobre 2020 0 Di Enrico Stiletti
Condividi se ti piace

C’era grande fermento a Trieste in questi giorni per la 52esima edizione della Barcolana, la regata più grande del mondo che come da tradizione si svolge la seconda domenica di ottobre.

Barcolana52, patrocinata da Generali, è entrata nel vivo con l’apertura del Villaggio Barcolana in piazza dell’Unità, cuore pulsante della città dei record che ha stregato il National Geographic, e si era preparata in sicurezza al lungo fine settimana di regate ed eventi.

Le barche candidate alla vittoria erano pronte a sfidarsi in mare. Dopo aver ufficialmente restituito il trofeo 2019, il team EWOL Way of Life ha annunciato con un video sui social la presenza di un timoniere d’eccezione, Robert Scheidt, il quarantasettenne brasiliano che nel 2021 parteciperà alla sua settima olimpiade.

Le giornate in mare dei giorni scorsi hanno visti protagonisti i Persico 69F per Barcolana FUN Siram Veolia, e intanto nel Golfo di Trieste è approdato anche lo showcase Nastro Rosa Tour 2021, per tre giorni di regate ed esibizioni con i trimarani DIAM 24 e i kite-foil visibili da terra.

Nella mattina dell’8 ottobre si è conclusa, invece, la regata Venezia-Trieste per i tre equipaggi degli L30 con la vittoria della coppia formata da Alberto Bona e Cecilia Zorzi.

Il momento più atteso della grande festa che per dieci giorni anima Trieste, capitale europea della scienza 2020, con eventi tra vela, sport acquatici, cultura, arte, attività sociali ed educative, tutte a tema mare, era il colpo di cannone che domenica 11 ottobre alle 10.30 avrebbe dovuto annunciare l’inizio della regata vera e propria, ma le condizioni proibitive del tempo non lo hanno permesso.

La vera sfida di questa 52esima edizione è stata, però, quella di organizzare una manifestazione in sicurezza anti-Covid. Da qui, l’obbligo di iscriversi online alla Barcolana 2020, dettato dalla necessità di evitare assembramenti e rispettare le norme imposte dall’emergenza sanitaria.

Per evitare assembramenti di barche lungo le Rive, era stato inoltre richiesto agli armatori di avere un ormeggio prenotato per il periodo in cui sono a Trieste per partecipare all’evento.

Mascherine pre e post gara, misurazione della temperatura a bordo e autocertificazione prima dell’inizio della regata sono i pilastri del Protocollo stipulato tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Società Velica Barcola e Grignano, per permettere lo svolgimento in sicurezza della Barcolana che quest’anno ha toccato quota 1424 equipaggi ufficialmente iscritti.

La kermesse velistica è la seconda manifestazione internazionale dopo la maratona di Londra a dotarsi di specifiche modalità operative per il contenimento dell’emergenza sanitaria.

Venerdì 9 e sabato 10 ottobre nell’edifico del Molo IV di Trieste, dalle 9 alle 19, è inoltre attivo un presidio allestito da Asugi, con l’obiettivo di effettuare tamponi gratuiti, eseguiti solo su prenotazione e fino a esaurimento delle disponibilità.

Nota per essere una delle regate con più partecipanti, nel 2018 la Barcolana è entrata ufficialmente nel Guinness dei Primati come “Largest Sailing Race”, regata più grande del mondo, grazie alle 2689 imbarcazioni iscritte.

Si tratta di un evento unico nel panorama velico internazionale in virtù della particolare formula che la contraddistingue. Su una singola linea di partenza, infatti, si ritrovano a gareggiare fianco a fianco velisti professionisti e semplici appassionati, su imbarcazioni di varie dimensioni che vengono suddivise in categorie a seconda della lunghezza fuori tutto.

La manifestazione coinvolge non solo i velisti ma l’intera città, con diversi appuntamenti e uno stand in piazza Unità d’Italia per raccontare il Friuli Venezia Giulia e le sue eccellenze nel weekend della Barcolana.

FONTE: InItalia

Condividi se ti piace